Categorie
#NATIONSLEAGUE CALCIO PAGELLE

ITALIA-SPAGNA 1-2: LE PAGELLE!

Tanta sfortuna per gli Azzurri a San Siro, dove un’espulsione e troppe occasioni sbagliate condizionano inevitabilmente il risultato; Spagna meritatamente in finale!

ITALIA

DONNARUMMA: 6, nel primo tempo è un po’ insicuro, probabilmente condizionato dai fischi, poi si riprende sfornando un grande intervento su Oyarzabal.

-EMERSON: 6.5, gioca bene, è propositivo e lucido nelle scelte, tranne che in occasione della ripartenza personale…

BASTONI: 5, grave errore sul goal dello 0-1, nel complesso la prestazione non è horror, ma sufficiente per rimarcare i dubbi di inizio partita: giusto tenere fuori Chiellini per lui?

BONUCCI: 4, espulsione in un solo tempo, lascia i compagni in 10 e probabilmente è questo l’episodio decisivo per le sorti del match. IMMATURO!

DI LORENZO: 5.5, corre molto sulla fascia e gli spetta anche il ruolo di centrale dopo l’espulsione di Bonucci, ma è poco brillante e soccombe in fase difensiva.

VERRATTI: 5.5, partita discreta in fase di interdizione, non è preciso e non riesce a fare la differenza in mezzo al campo.

-JORGINHO: 6, spesso raddoppia su Busquets per aiutare Barella in pressing, è l’unico dei suoi a verticalizzare…

-PELLEGRINI (64′): 6.5, si fa trovare pronto da Mancini, entra e segna. Ottima prestazione, uno dei migliori!

BARELLA: 5, assente in mezzo al campo se non per qualche strappo palla al piede, lascia troppo spazio ai centrocampisti avversari, per non parlare della superiorità di Busquets in ogni duello…

-CHIESA: 7, è il top player di questa nazionale, anche nel momento di maggior difficoltà, quando sembrava ormai tutto finito, lui non si rassegna e riesce in qualche modo a “sprintare” per tutto il campo, fornendo l’assist a Pellegrini per il goal a porta vuota dell’1-2. GRINTOSO!

BERNARDESCHI: 5.5, non fa granché, adattato in una posizione non sua, è troppo timido e ai margini del gioco; sfortunato in occasione del palo!

INSIGNE: 5, si divora un goal quasi fatto; “u scugnizzo” oggi non è in forma e si vede!

SPAGNA

-UNAI SIMÓN: 6.5, impegnato poche volte, ma decisivo sui tiri di Chiesa e Bernardeschi.

-AZPILICUETA: 6, ha vita facile sulla fascia, ma non affonda mai il colpo; rischia poco, produce poco!

-LAPORTE: 6.5, forte e affidabile, copre bene e sbaglia poco, Kean e Bernardeschi non vedono la porta dalle sue parti.

-TORRES: 6.5, anche lui, come il compagno di reparto, è sicuramente promosso!

-ALONSO: 7, è il suo ritorno in nazionale, e che ritorno! A lui spetta probabilmente il compito più impegnativo: marcare Chiesa, ma lo fa benissimo. INSUPERABILE!

-PÀEZ GAVIRA: 6.5, che personalità! Corre, spinge e scalcia per novanta minuti, segnatevi questo nome!

-BUSQUETS: 7.5, certi giorni, certe volte, gli alieni scendono tra gli uomini, Sergio è uno di questi! Giocatore che ha vinto tutto, padrone assoluto del centrocampo, mette a sedere Barella & Co facendogli lezione. MAESTRO!

-KOKE: 6.5, si integra perfettamente nelle idee di Enrique, dà sostanza e qualità alla manovra spagnola.

-TORRES: 7.5, oggi è il nostro antagonista: non si vede molto, ma quando appare fa malissimo, i due goal ne sono la prova! KILLER!

-SARABIA: 6.5, corre tanto e con intelligenza, Morata deve stare attento, questi tre insieme davanti fanno paura!

-OYARZABAL: 6.5, è l’uomo in più dei suoi, regala grandi giocate e sbaglia poco, unica pecca l’errore a colpo sicuro nel finale…

Categorie
#NATIONSLEAGUE Bet CALCIO Senza categoria

LA NOSTRA PAZZIA DI ITALIA-SPAGNA!

ITALIA-SPAGNA: 1+UNDER 3.5!

Aspettavamo da tanto tempo questo momento.
Gli azzurri sono privi dei due attaccanti titolari, ma pieni di entusiasmo e voglia e, giocando a San Siro, il fattore tifo potrebbe essere determinante. La Spagna, invece, si trova ad affrontare le difficoltà dovute ai tanti infortuni e probabilmente Luis Enrique sarà costretto a cambiare modulo.
Sarebbe poco intelligente dire che sarà una partita a senso unico, perché stiamo parlando comunque di due squadre molto forti e determinate; proprio per questo prevarrà l’aspetto tattico, con pochi errori e poche occasioni da entrambe le parti, ma, secondo noi, dopo un Europeo da favola, Mancini e gli azzurri non vorranno rinunciare al bis, o perlomeno alla finale!

QUOTA GOLDBET: 2.85€!

Categorie
#NATIONSLEAGUE Bet CALCIO NAZIONALI

BET: 5 STRATEGIE PER SBANCARE IN NATIONS LEAGUE!

Tornano le nazionali, torna la Nations League! Siamo ormai giunti ai titoli di coda del torneo: mercoledì e giovedì si disputeranno le due semifinali e il 10 ottobre ci sarà la finalissima; molti scommettitori non sanno bene come comportarsi, infatti, con due sole partite, non si può certo giocare una semplice multipla e sperare di sbancare…Ed è qui che arriviamo noi! Vi proponiamo allora cinque strategie che potrebbero portarvi ottimi guadagni con pochi sforzi!

1) PASSAGGI DI TURNO

Partiamo dalla meno rischiosa: una multipla con le due squadre che passeranno il turno: poco rischio, vincita discreta!

•Il nostro prototipo: ITALIA+FRANCIA

•Importo consigliato: 10 euro
(vincita= 32€), guadagno: 22€!

•Rischio: basso!

2) MARCATORI

Giocata semplice, ma mai banale! Un marcatore per partita, l’attaccante che più vi intriga di ogni match, ma occhio a non puntarci troppo, il calcio non è una formula: nessuno parte con un goal di vantaggio!

•Il nostro prototipo: CHIESA/INSIGNE+LUKAKU/BENZEMA

•Importo consigliato: 5 euro
(vincita= 56€), guadagno: 51€!

•Rischio: medio!

3) LE NOSTRE PAZZIE

Delle ultime tre ne abbiamo prese due con quote molto interessanti, domani uscirà quella di Italia-Spagna, giovedì di Belgio-Francia, state sintonizzati!

•Il nostro prototipo: lo scoprirete presto!

•Importo consigliato: 10 euro a pazzia (vincita= 🤑🤑🤑!)

•Rischio: alto!

4) DOPPIA VINCITRICE TORNEO

Volete vincere senza rischiare troppo? Ecco la giocata giusta per voi! Il nostro consiglio, se scegliete questa strategia, è di giocarla oggi, prima che le quote si abbassino troppo!

•Il nostro prototipo: ITALIA/FRANCIA

•Importo consigliato: 15 euro×2
(vincita: Italia=52.50, Francia= 48.75),
guadagno: 18.75/22.50€!

•Rischio: basso!

5) VINCITRICE TORNEO

Puntate a una cassa ancora più consistente? Allora non vi resta che scommettere su una sola possibile vincitrice, rischiosa, ma non impossibile!

•Il nostro prototipo: FRANCIA

•Importo consigliato: 20 euro
(vincita= 65€), guadagno netto: 45€!

•Rischio: medio-alto!

Speriamo di esservi stati utili e di avervi ispirato, ovviamente i nostri prototipi rispecchiano la nostra linea di pensiero, all’interno di ogni strategia si hanno diverse opzioni, dalle più rischiose a quelle un po’ più semplici, le quote cambiano in base alle vostre scelte!

Categorie
CALCIO EUROPEI Senza categoria

ITALIA-SPAGNA 5-3: LE PAGELLE DEGLI AZZURRI!

“Nel mezzo del cammin del sogno azzurro,
Ci ritrovammo una Spagna Oscura,
Che nella nostra area entra come il burro,
Ahi quanto a dir qual era è cosa dura,
Questa spagna selvaggia e aspra e forte,
Che nel pensier rinnova la paura!”
Non ci veniva in mente poesia migliore di questa per descrivere quella che non è stata una partita, ma un cammino che ci è parso infinito, un cammino che leva un solo grido:
“IL SOGNO AZZURRO NON FINISCE QUA!!!”


LE PAGELLE DEGLI AZZURRI:


-DONNARUMMA: 7.5, nel match più importante fino ad ora, sul filo che aleggia tra “dentro” e “fuori”, ci pensa lui con i suoi guantoni: noi siamo ancora dentro! SARACINESCA!


-DI LORENZO: 7, è tutta questione di “cazzimma”, c’è chi ce l’ha e chi non ce l’ha, ebbene lui ce ne ha da vendere! Corre, ringhia e sgomita, con quei baffetti il cazzimmometro è alle stelle, e gli spagnoli lo sanno bene: vietato passare!


-BONUCCI: 7, per lui vale lo stesso discorso di Donnarumma: tanto odiato quanto forte! I suoi lanci sono il pane dei nostri denti e la sua leadership dietro è la base del nostro muro, della muraglia azzurra!


-CHIELLINI: 6.5, ancora lui, ancora una volta Giorgione, altra partita di altissimo livello del nostro capitano che, con tanto di sorriso e abbraccio, si ingrazia il capitano avversario prima di pugnalarlo alle spalle. “Perchè un King Kong è per sempre!”


-EMERSON: 6.5, giocare una semifinale per la propria nazione è cosa davvero ardua, ma giocarla sostituendo il giocatore migliore del torneo finora è qualcosa di assurdo, roba da tachicardia! La freccia Italo-brasiliana realizza scorrerie lungo la fascia nemica, convincendo tutti i tifosi azzurri, anche i più scettici…


-BARELLA: 6, corre tanto, tantissimo, ma stavolta manca spesso di lucidità nelle scelte, qualche errore di troppo in fase di disimpegno accende il campanello dall’allarme del CT Mancini, che lo toglie all”85′.


-JORGINHO: 7, altra gara, altro film, altra conferma, perchè il regista Jorginho non crea film fallimentari, lui conosce solo successi, e Unai Simón, che è andato a cercare le farfalle nell’ultimo rigore, lo sa bene!


-VERRATTI: 6, quando sfidi veterani come Busquets, che nel suo ruolo è come il re leone nella giungla, non puoi non faticare, perchè i palloni giocabili saranno sempre di meno e le corse da fare in fase di pressing sempre di più, ma lui lotta su ogni pallone e, che vinca o perda il contrasto, vince comunque i nostri cuori!


-CHIESA: 8, è la sua stagione, il suo europeo, la sua specialit…ah no, quella è la specialità dello scugnizzo, U TIR AGGIR! Ma, d’altronde, è anche questo il gioco di squadra, prestarsi le mosse speciali per sorprendere le difese avversarie, stile Inazuma Eleven!


-IMMOBILE: 5, ci spiace bocciarlo di nuovo, perchè si applica, corre e suda, ma quando non è cosa non è cosa, e lui è solo l’ombra del bomber che ha vinto a suon di goal la Scarpa d’Oro mettendo dietro gente come Lewandowski; ma bisogna crederci e sostenerlo: che sia la finale il momento giusto per il risveglio di Re Ciro…?


-INSIGNE: 6.5, “quando sta bene la palla non gliela togli”, queste le nostre parole dopo la partita col belgio, parole che oggi suonano ancor più come una verità indissolubile, perchè Lollo Insigne ha perso pochissimi palloni, che si possono contare sul palmo della mano!


CAMBI:


-BERARDI: 5.5, vedi Chiesa far magie, poi entra lui e la storia cambia, non che giochi male o non si impegni, ma è una semplice questione di qualità, di talento, lui ne ha molto, moltissimo, ma finché non riuscirà a sfruttarlo al massimo Fede non lo si dovrà toccare, per nessuna ragione!


-PESSINA: 6, entra portando energia ed equilibrio, spende anche qualche fallo importante per la gestione del tempo in ottica calci di rigore…


-TOLOI: 6.5, quando si parlava di un possibile esordio in nazionale per lui dopo l’ottenimento del passaporto italiano molti erano scettici, soprattutto quando è stato preferito a Mancini, che era reduce da una grande stagione con la maglia giallorossa. Ma il centrale atalantino si è rivelato un vero e proprio fattore per duttilità e integrità a gara in corso, ROCCIOSO!


-LOCATELLI: 5, proprio lui che in questo europeo ci ha spesso e volentieri stupiti in positivo, oggi sbaglia un rigore che poteva risultare fatale, ma in finale ci serve il miglior Manuel di tutti, perchè è proprio quando il gioco si fa duro che i duri iniziano a giocare!


-BELOTTI: 6.5, il Gallo non brilla, ma si rigira le maniche e fa il lavoro sporco, in silenzio, senza troppi complimenti,  è psicologicamente fondamentale il suo rigore calciato all’angolino, “dai Gallo canta per noi!”

-BERNARDESCHI: 10, quando si parla di big match lui non può mancare: rincorsa glaciale e rigore al sette, il vero G.O.A.T. mette le cose in chiaro, CHE CE FREGA DI LEO MESSI NOI C’ABBIAMO BERNARDESCHI!

E voi ci credete? Fatecelo sapere nei commenti!

Categorie
Senza categoria

SPAGNA EURO21: INVENCIBLE ARMADA O GRANDE FLOP?

La seconda squadra che guardiamo più da vicino è la formazione delle ‘Furie rosse’. Quest’anno si presenta con una rosa sicuramente più decimata e con tante assenze, ma quando si parla di competizioni importanti non bisogna mai sottovalutarla. Riuscirà l’Invencible Armada a rimettere insieme la flotta e a sconfiggere i nemici?

LA SPAGNA!

 I 24 CONVOCATI:

Portieri: Unai Simón, De Gea, Robert Sánchez
Difensori: Gayá, Jordi Alba, Pau Torres, Laporte, Eric García, Llorente, Azpilicueta, Marcos Llorente
Centrocampisti: Busquets, Rodri, Pedri, Thiago, Koke, Fabián Ruiz
Attaccanti: Olmo, Oyarzabal, Morata, Gerard Moreno, Ferran Torres, Adama Traoré, Sarabia

Luis Enrique: un genio o un pazzo?

Il tecnico spagnolo ha deciso di convocare solamente 24 dei 26 giocatori concessi dalla Uefa; il CT si è giustificato in conferenza stampa affermando che ha scelto di convocare solo giocatori che ha intenzione di far giocare senza mai lasciare indietro nessuno. L’altro dato che provoca scalpore è la mancanza all’appello dei giocatori del Real Madrid, alcuni fuori per infortunio e altri lasciati a casa per scelte tecniche, peserà particolarmente sotto ogni aspetto l’assenza di Sergio Ramos. Certamente queste convocazioni hanno sollevato non poche polemiche e ci sarà molto da ridire se la Spagna dovesse uscire per via dell’inesperienza della propria rosa.

PROBABILE FORMAZIONE:

Enrique giocherà molto probabilmente con un 4-3-3, tra i pali si alterneranno Simòn e De Gea, sulle fasce spazio all’esperienza di Jordi Alba, a sinistra, e Azpilicueta, a destra. A centrocampo l’impostazione del gioco sarà affidata al solito Busquets affiancato da Rodri e Koke. Davanti si presenteranno due ali molto giovani come Olmo e Ferràn Torres e un centravanti di esperienza internazionale come Alvaro Morata.

IL NOSTRO PROTAGONISTA:

PAU TORRES

Pau Torres, campione col Villarreal e titolare della Spagna | Footbola

Sebbene sia giovanissimo, il difensore spagnolo può già contare nel suo palmares un’Europa League, giocata da leader e vinta da protagonista del suo Villareal. Ci si aspetta molto da lui per quanto fatto vedere nel corso della stagione e un Europeo ben giocato potrebbe valere la chiamata di una big dei top 5 campionati… da tenere d’occhio!

IL GIRONE:

POLONIA-SLOVACCHIA-SPAGNA-SVEZIA

Il girone è sulla carta piuttosto agevole per gli spagnoli, non dovranno però commettere distrazioni e perdere punti importanti. Per quanto la storia delle avversarie non sfiori nemmeno lontanamente i titoli che può vantare la rosa di Enrique, queste potrebbero mettere in difficolta una Spagna, come già detto, decimata e priva dei suoi campioni.

LA NOSTRA PREVISIONE:

ELIMINAZIONE AI QUARTI