Categorie
CALCIO EUROPEI

ITALIA EURO21: SPERANZA, FEDE E PASSIONE, LA NOSTRA FRECCIA TRICOLORE CHE SOGNA DI VOLARE!

“FRA-TEL-LI D’I-TA-LIA” è ormai giunto il momento di scendere in campo con le bandiere e accorrere per sostenere la madrepatria, che ci ha donato la vita, ci ha coccolato, ci ha fatto crescere e ci ha reso partecipi di una tradizione magnifica! Siamo tutti figli della stessa madre nutrice e, soprattutto, siamo carichissimi, perché si gioca a casa nostra, nella capitale: la città eterna che riecheggia a suon di trombe e tamburi l’urlo della storia tricolore e le grida di uno stato che è stato messo in ginocchio, ma senza arrendersi, da una pandemia globale. Noi siamo gli irriducibili combattenti, tutti insieme: dal postino allo studente, dall’impiegato all’imprenditore, da Nord a Sud, dal mare alle montagne, da est ad ovest, dai paesini alle grandi città, siamo l’Italia e “SIAMO PRONTI ALLA MORTE!”

LA NOSTRA ITALIA!

I 26 CONVOCATI:

PORTIERI: Donnarumma, Meret, Sirigu.

DIFENSORI: Acerbi, Bastoni, Bonucci, Chiellini, Di Lorenzo, Florenzi, Spinazzola, Toloi.

CENTROCAMPISTI: Barella, Cristante, Jorginho, Locatelli, Castrovilli, Pessina, Verratti.

ATTACCANTI: Belotti, Berardi, Bernardeschi, Chiesa, Immobile, Insigne, Raspadori.

Questo è il nostro battaglione: i 26 soldati che indossano la divisa della nostra cara bandiera! Tra gli assenti troviamo purtroppo lo sfortunato Sensi e il magico Pellegrini, che sono stati sostituiti dal giovane e promettente Pessina e dalla rivelazione calcistica degli ultimi 2 anni del nostro campionato: il fantasista viola, Gaetano Castrovilli. Non mancano né i leader difensivi, come Chiellini e Bonucci, nè i giovani dal talento sopraffino, come Bastoni, Barella e Chiesa, passando per colonne come i napoletani Insigne ed Immobile, il gallo Belotti e il campione d’Europa Italo-brasiliano Jorginho. L’Italia c’è ed è chiamata a rapporto perché mancano ormai poche ore all’inizio della guerra!

LA PROBABILE FORMAZIONE:

L’ideale undici condotto dal CT Mancini dovrebbe schierarsi con un 4-3-3, col mediano a fare da vertice basso nel centrocampo a tre. A comporre la formazione tra i pali c’è Donnarumma: oggetto pregiato di mercato, ci auguriamo, vista la telenovela di cui è protagonista in questi giorni, che non sia sottotono a causa delle critiche e dei numerosi rumors; la difesa a quattro dovrebbe disporsi con i due centrali bianconeri Chiellini (il capitano) e Bonucci che non hanno bisogno di presentazioni, a sinistra ci sarà Spinazzola, mentre sulla fascia opposta dovrebbe giocare un altro calciatore scuola Trigoria, ma con recente esperienza a Parigi, ovvero Alessandro Florenzi. Il centrocampo dalle sembianze stellari sarà composto da tre uomini Champions, nonché top players nel loro ruolo a livello mondiale: cominciamo col regista Jorginho, che porterà entusiasmo, energia ed esperienza all’interno del gruppo, per poi passare ai 2 interni di centrocampo Verratti e Barella; il primo è l’italo-internazionale per eccellenza, visto che ha espresso poco in Italia e ha sempre giocato nel top calcio europeo, mentre il secondo è la stella del campionato italiano, il giovane che riesce a garantire qualità e allo stesso tempo fisicità con una capacità di concentrazione che in pochi possiedono, dotato di carisma e notevole personalità, alterna momenti di alta intensità a giocate sopraffine che conducono verso la via del gol. A concludere la formazione ecco le 2 ali Chiesa e Insigne, frecce di quantità e qualità, disposti alle spalle della scarpa d’oro 2019-2020, la nostra punta di diamante: Ciro Immobile.

IL PROTAGONISTA:

BARELLA!

Come anticipato in precedenza non può che essere lui il protagonista e l’emblema della nostra nazionale: un centrocampista ruvido, tecnico, carismatico e un po’ indisciplinato che rappresenta quel narcisismo snob tipico degli italiani, consci di appartenere al paese migliore di tutti, dotati di una storia di arte, design, progettazione, architettura, invenzione e innovazione, ma allo stesso tempo acidi, menefreghisti, scontrosi e maleducati, ma con un cuore d’oro e una passione accesa che permette di definire un uomo come questo centrocampista: un giocatore romantico!

IL GIRONE:

ITALIA-SVIZZERA-TURCHIA-GALLES

“Non si giudica un libro dalla copertina” “L’apparenza inganna” “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”. Un girone dalle sembianze semplici ma ingannevoli, sicuramente alla nostra portata, ma ricco di ostacoli, guai a sottovalutare! I nostri acerrimi rivali dopo i francesi, l’incredibile Turchia e il Galles di Ramsey e Bale non sono certo big come Francia Germania o Inghilterra, ma hanno organizzazione tattica, qualità, tecnica e determinazione sufficienti per metterci in difficoltà, non sarà una passeggiata…

LA NOSTRA PREVISIONE:

SIAMO SCARAMANTICI, NON DIAMO PREVISIONI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...